Iscriviti whatsapp FRASILANDIA

FRASILANDIA

– Veramente io non pago INPS – Be’, allora questi soldi me li prendo!

Checco Zalone

Ti chiami come il cane di Berlusconi!

Checco Zalone

Francesi, ridateci la Gioconda!

Checco Zalone

Non abbiamo il bagno per invalidi nel locale. Non sente i suoi diritti violati?

Checco Zalone

Abbiamo tutti il fascismo dentro di noi. Con lo stress viene fuori” “come la candida”.

Checco Zalone

Non chiedete, il mio paese non può fare niente per me, figuriamoci per voi!

Checco Zalone

Principio di Archimede: galleggia chi ci crede!

Checco Zalone

“Cognome e nome” “Zalone Pierfrancesco, però scriva Checco, lui mi conosce così.” “Lui chi?” “Il popolo italiano”

Checco Zalone

Ma figurati, non posso accettare, da voi migranti che ci pagate pure le pensioni a noi italiani.

Checco Zalone

Al semaforo sul parabrezza, c’è una mano nera con la pezza, e ritrovo quel tuo sguardo malandrino che mi dici “C’ha due euro per panino”.

Checco Zalone

Ho lasciato ogni speranza in questo villaggio. E io il caricabatterie!

Checco Zalone

Ma credimi, i più poveri che ho mai conosciuto, sono quelli che hanno solo i soldi.

Checco Zalone

Immigrato, quanti spiccioli ti avrò già dato. Immigrato, mi prosciughi tutto il fatturato.

Checco Zalone

Immigrato sembra proprio che ti sei integrato. Immigrato favorisci pure l’altro lato.

Checco Zalone

«Viva il duce!» «Sushi, si dice sushi»

Checco Zalone

Cosa mi combinò quella ragazza. In pochi attimi riuscì a trasformare in un paradiso ciò che mi appariva l’inferno, in piacevole freschezza ciò che era il ghiaccio polare e in un simpatico lemming ciò che era ‘na zoccola.

Checco Zalone

Don’t play in house of the player! Dice ai cinese durante una trattativa…non suonare a casa dei suonatori!

Checco Zalone

Vai a dormire che poi domani ti sblocco!

Checco Zalone

“E tu Checco? Che vuoi fare da grande?” “Io voglio fare il posto fisso!”

Checco Zalone

Se tu quest’anno mi prendi tutti dieci, papà ti regala una vacanza da sogno!

Checco Zalone

Almeno ridammi la mia crema Platinum.

Checco Zalone

All’uscita del supermercato, ti ho incontrato, al distributore di benzina…Monetina.

Checco Zalone

– Ma tu perché lavori ancora e non vai in maternità ? – Per me maternità è quando nasce bimbo, non prima!

Checco Zalone

“Sto da dio qui, Fanelli! Praticamente i colleghi mi hanno riservato questo trattamento che se c’è da fare una cosa, ma pure una fotocopia, dicono ‘No te non sei capace, la deve fare il tuo collega!’ Come si chiama?” “Mobbing.” “Il mobbing! Fanelli, come mi rilassa…”

Checco Zalone

Ah i debiti da saldare… domani ti mando il fabbro.

Checco Zalone

Al circolo polare artico! Fa freddissimo, ma! Più di Roccaraso, di più!

Checco Zalone

Non per compassione, non per commozione, ma per educazione.

Checco Zalone

Allora sei sano, io ti stavo portando dal logopedista. Che non le dicevi non le dicevi. Io aspettavo “mo le dice e non le dicevi”.

Checco Zalone

No, zia non posso staccare la spina alla macchina… altrimenti compirei una eutanazia.

Checco Zalone

Abbassiamogli almeno la condotta!

Checco Zalone

“Ciao Ibadja” “Vaffanculo” “Ah, parli la mia lingua”

Checco Zalone

Tira più un sorriso di donna che un rinoceronte.

Checco Zalone

Che senso avrà questo sole al tramonto se torno a casa e non trovo pronto.

Checco Zalone

Intanto non sono parolacce, sono formulette!

Checco Zalone

Figlio mio, non voglio che tu pensi che questa è la felicità. Guarda laggiù, quella è la felicità. No sta cacat di yacht.

Checco Zalone

Albano e Romina insieme! Vedi che mi sto perdendo?

Checco Zalone

Incredibile! Non è cambiato niente! Gli stessi letti, lo stesso armadio! Tutto qua!

Checco Zalone

Si chiama tredicesima. Se il tuo cuore non conosce questa gioia, allora taci perché gli dei ti hanno condannato alla partita Iva.

Checco Zalone