Iscriviti whatsapp FRASILANDIA

FRASILANDIA

Alla nascita ti danno il ticket in cui è compreso tutto: la malattia, la giovinezza, la maturità e anche la vecchiaia e la morte. Non puoi rifiutarti di morire perché è compreso nel biglietto. O l’accetti serenamente e te ne fai una ragione o sei un povero coglione!

Andrea Camilleri

Prendere le ferie nel mese d’agosto mi è sempre parsa una decisione sbagliata

Andrea Camilleri

Il rinnovamento avverrà quando qualcuno avrà finalmente il coraggio di dire che in politica non tutto è possibile.

Andrea Camilleri

La massima fortuna che un omo può aviri nella vita è quella di non arrivare mai a un punto di disperazione dal quale non puoi tomare narrè.

Andrea Camilleri

Non ci fu strata di Vigàta che non comparse tappizzata già dalle prime luci del mattino, da granni manifesti di carta gialla con le scrivute in nivuru

Andrea Camilleri

Se mentre mangi con gusto non hai allato a tia una pirsona che mangia con pari gusto allora il piaciri del mangiare è come offuscato, diminuito.

Andrea Camilleri

Il successo fa venire in prima linea l’imbecillità

Andrea Camilleri

L’umanità è un immenso formicaio e se vuoi conoscerla davvero devi trasformarti in formica e viverci dentro.

Andrea Camilleri

Il narratore crea una terra dove poter far stare i suoi personaggi.

Andrea Camilleri

Stare un minuto, un solo minuto, lontano da te, mi costa molto e starci una giornata intera ha per me un prezzo altissimo.

Andrea Camilleri

Tutto, tutto, tutto: il mare, i profumi, perfino le pietre. Sempre più spesso – come accade ai vecchi – ripenso al passato, agli anni dell’infanzia. E questi giorni di Natale mi fanno venire una grande nostalgia del passato. I pranzi da mia nonna, la gioia semplice dello stare insieme.

Andrea Camilleri

Raggiunto il fondo di uno qualsiasi di questi strapiombi, ci avrebbe immancabilmente trovato uno specchio. Che rifletteva la sua faccia.

Andrea Camilleri

Il bello della Sicilia è la scoperta quotidiana di siciliani sempre diversi.

Andrea Camilleri

L’artista è colui che ha una costante percezione alterata della realtà.

Andrea Camilleri

I siciliani vivono male la loro condizione di essere siciliani, sono sempre alla ricerca di qualcosa di diverso dal presente.

Andrea Camilleri

Mentre il rigore morale e l’onestà non sono contagiosi, l’assenza di etica e la corruzione lo sono, e possono moltiplicarsi esponenzialmente con straordinaria velocità.

Andrea Camilleri

Agrigento mi fa pensare al fascismo, Girgenti a Pirandello.

Andrea Camilleri

Quella era l’amicizia siciliana, la vera, che si basa sul non detto, sull’intuìto: uno a un amico non ha bisogno di domandare, è l’altro che autonomamente capisce e agisce di conseguenza.

Andrea Camilleri

Le affinità elettive erano un gioco rozzo a paro degli insondabili giri del sangue, capace di dare peso, corpo, respiro alla memoria.

Andrea Camilleri

«Licchiare» significa fare l’amore a distanza, vale a dire sorridersi, mandarsi furtivi baci, farsi cenni di saluto, senza che ci sia alcun contatto fisico.

Andrea Camilleri

Non vedo, ma sogno.

Andrea Camilleri

Leggere le pagine dei quotidiani siciliani è, purtroppo spesso, assai più appassionante di un romanzo giallo.

Andrea Camilleri

Un autentico cretino, difficile a trovarsi in questi tempi in cui i cretini si camuffano da intelligenti.

Andrea Camilleri

Il tiranno viene quasi eletto dalla volontà di servitù del popolo.

Andrea Camilleri

Tirava un vento maligno che arruffava una nuvolaglia giallusa.

Andrea Camilleri

Gli pigliò la mano per salutarlo. Non s’aspettava il modo in cui lei gliela strinse: fu come se gli avesse arravugliato attorno alle dita non la sola mano ma il suo corpo intero e come la mano dell’uomo, diventata un’altra cosa, fosse entrata nel dentro più dentro di lei, fino alla sua noce di fìmmina.

Andrea Camilleri

Come ogni buona cuoca, godeva dell’estatica espressione che si formava sulla faccia dei commensali mentre gustavano una sua portata.

Andrea Camilleri

La notte cambia odore ogni ora che passa.

Andrea Camilleri

Tutti gli arancini s’infilano in una padeddra d’oglio bollente e si fanno friggere fino a quando pigliano un colore d’oro vecchio. Si lasciano scolare sulla carta.

Andrea Camilleri

Dentro, nel profondo di te. Intuisco in te come un continuo scontro contraddittorio che riesci a nascondere assai bene. Dentro di te c’è un vero e proprio labirinto, Arianna, pieno d’angoli oscuri, di viottoli ciechi, d’abissi e di caverne.”

Andrea Camilleri

I loro corpi si capivano a volo, macari se spisso i loro ciriveddri funzionavano diverso.

Andrea Camilleri

Non si costruisce nulla con l’uso delle armi.

Andrea Camilleri

Adoro chi osa. Odio chi usa.

Andrea Camilleri

Si pripara un risotto, quello che chiamano alla milanìsa (senza zaffirano, pi carità!), lo si versa sopra a una tavola, ci si impastano le ova e lo si fa rifriddàre. Intanto si còcino i pisellini, si fa una besciamella, si riducono a pezzettini ‘na poco di fette di salame e si fa tutta una composta con la carne aggrassata.

Andrea Camilleri

L’affidarsi alla memoria, è la volontà dell’uomo di non scomparire.

Andrea Camilleri

Aveva paura, si scantava di calarsi negli “abissi dell’animo umano”.

Andrea Camilleri

Quella pacata ma sovrumana determinazione di cui solo certe donne sono a volte capaci.

Andrea Camilleri

Mangiarono parlando di mangiare, come sempre succede.

Andrea Camilleri

Ogni singola storia d’amore, vissuta o inventata, riesce a essere unica e diversa e irripetibile rispetto ai miliardi di altre storie già accadute, che accadono, che accadranno. Insomma, l’amore non s’impara né teoricamente né andando a bottega da altri. S’impara amando, vale a dire perdendosi.

Andrea Camilleri

Fin quando un personaggio non è in grado di alzarsi dalla pagina e cominciare a camminarmi per la stanza, quel personaggio, secondo me, ancora non è risolto.

Andrea Camilleri